Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano – Siete appassionati di arte? Brickscape vi proponiamo un percorso in Toscana alle origini del più grande artista del Rinascimento italiano: Leonardo. Proprio quest’anno, infatti, si celebrano i 500 anni dalla sua scomparsa.

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano – Leonardo era un’artista a 360 gradi, un genio indiscusso e tutt’ora acclamato. Originario di Vinci in Toscana, i cui paesaggi tipici fanno sfondo ai suoi quadri più famosi. Non perdetevi l’occasione di sfruttare questa ricorrenza, poiché numerosi enti hanno organizzato diverse iniziative collaterali alle mostre per il grande pubblico amante di Leonardo da Vinci. Per poter comprendere al meglio il genio Brickscape  ha preparato per voi un itinerario sulle tante tracce artistiche, scientifiche e di innovazione che ci ha lasciato.

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

1. Vinci (sosta di un giorno) 

Questo è il luogo natale di Leonardo, si trova a metà strada tra Empoli e Pistoia, a circa 50 chilometri da Firenze. Qui la prima tappa è sicuramente il Museo Leonardiano, la biglietteria è ubicata presso la Palazzina Uzielli, aperta dalle ore 9.30 alle 18.15 nei mesi da Marzo a Ottobre e dalle 9.30 alle 17.15 tra Novembre e Febbraio, con apertura straordinaria a Natale e Capodanno, dalle ore 15.00 alle 18.15. Avrete modo di vedere le sezioni dedicate alla tecnologia tessile, alle macchine da cantiere, agli orologi meccanici ed agli studi anatomici fatti da Leonardo. La visita poi prosegue presso il Castello dei Conti Guidi, dove troviamo macchine e modelli che testimoniano gli interessi del genio per la meccanica, l’architettura, la guerra ed il volo. Il percorso continua con sezioni riguardanti sia il movimento terra e acqua che l’ottica, per concludersi poi con l’esposizione nell’ultima sala dei modelli dei solidi geometrici tratti da disegni realizzati da Leonardo. Per finire, la Villa Il Ferriale, ospita 21 copie a grandezza naturale, dei dipinti di Leonardo. Tornando poi nei pressi dell’ingresso, situata dietro, vi è la terrazza panoramica, dove avrete modo di ammirare L’Uomo di Vinci, scultura in legno realizzata da Mario Ceroli nel 1987, che rappresenta l’Uomo vitruviano di Leonardo. Per concludere, potrete visitare la sua Casa Natale presso Anchiano, a circa 3 chilometri da Vinci, qui avrete modo di ripercorrere la vita e le opere più significative dell’artista e di incontrarlo in persona, sotto forma di ologramma a grandezza naturale. Potrete visitare il museo, la casa natale e la mostra “Leonardo da Vinci. Alle origini del genio” con un biglietto cumulativo di 13,00 €, con possibilità di riduzioni per gruppi, ragazzi fino ai 14 anni e famiglie.

Prima di partire alla volta della seconda tappa, Brickscape vi consiglia di scegliere uno dei tanti itinerari proposti dall’Associazione Strada dell’Olio e del Vino del Montalbano – colline di Leonardo. Grazie ad essi avrete la possibilità di visitare la zona del Montalbano, famosa per i panorami mozzafiato che hanno ispirato Leonardo in alcune sue opere, di assaporare l’eccellenze che questo territorio propone, come vino ed olio e di visitare o ristorarsi nelle ville Rinascimentali (tipiche del periodo storico in cui egli è vissuto e ha operato).

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

2. Chianti (sosta di un giorno) 

La seconda tappa è dedicata ai paesaggi che più hanno ispirato il genio, quelli dei colli del Chianti. Qui potrete ammirare dal vivo quegli scenari mozzafiato che Leonardo ha incorniciato nei suoi dipinti più celebri. Gli amanti del cibo e del buon vino apprezzeranno una piccola deviazione dal tema culturale, per concedersi un buon calice di Chianti DOCG o di Vino Nobile di Montepulciano. Qui, infatti, potrete cogliere l’opportunità di visitare cantine, caseifici e fermarvi nelle botteghe artigiane per i vostri acquisti, tappe promosse dall’Associazione Strada del vino Nobile di Montepulciano e dei sapori della Valdichiana senese. Potrete inoltre concedervi di provare un tipo di turismo esperienziale che il luogo propone. Se volete essere protagonisti di esperienze nel Chianti, potreste visitarlo a bordo di un 500 o di una vespa o andare alla scoperta di antichi borghi, come San Gimignano e per cena fermarvi in una location alternativa, come una vigna storica. Nel risalire verso Firenze per l’ultima tappa, Brickscape vi consiglia di fare sosta alle Balze del Valdarno per ammirare il paesaggio che fa da sfondo al celebre quadro de la Gioconda.

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

3. Firenze (sosta di due giorni) 

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano è arrivato all’ultima tappa. E’ proprio Firenze la città in cui Leonardo si è formato, presso la bottega di Andrea del Verrocchio e dove troviamo conservate alcune sue opere. La maggior parte si trovano alla Galleria degli Uffizi, che potrete visitare da martedì a domenica, dalle 08.15 alle 18.50, con un biglietto del costo di 20 €, con possibili riduzioni per gite turistiche o scolastiche, cittadini dell’Unione Europea tra i 18 e i 25 anni e gratuito per i minori di 18 anni. Il biglietto vi permetterà inoltre di accedere al Museo Archeologico Nazionale e al Museo dell’Opificio delle Pietre Dure. Facendo visita alla Galleria degli Uffizi, potrete ammirare il Battesimo di Cristo, opera del Verrocchio, ma alla quale, secondo fonti storiche, ha contribuito la mano del genio; a lui si deve infatti la realizzazione del paesaggio di sfondo e dell’angelo in primo piano a sinistra. In questa opera collettiva si possono notare alcune caratteristiche fondamentali che ritroveremo poi nelle sue opere posteriori, come il sorriso ambiguo tipico della Gioconda o di ambe due le versioni della Vergine delle Rocce e l’amore e l’attenzione per la natura. Sempre agli Uffizi potrete contemplare una delle sue opere più famose, l’Annunciazione, dove Leonardo gioca con luce e colori per dare prospettiva al quadro. Qui è chiaro l’amore che lui aveva per la natura, basti notare l’ambientazione in un giardino perfettamente dipinto con cura nei dettagli, al contrario del più consueto scenario all’interno dell’abitazione della Vergine Maria. Sarà possibile poi vedere l’Adorazione dei Magi, che sarebbe dovuta essere una pala di altare per il convento di San Donato a Scopeto, ma che da Vinci non terminerà di dipingerne i paesaggi sullo sfondo e rimarrà incompiuto. Sempre all’interno degli Uffizi, sarà possibile ammirare una copia di Leda col Cigno, andata perduta. Al primo piano del museo, nel Gabinetto dei disegni e delle stampe, sono invece conservati studi e disegni del genio, come l’Adorazione dei Magi, il paesaggio con Fiume, una Testa di Donna, Tre Figure di Profilo, Madonna col Bambino ed un particolare del Ritratto di Isabella d’Este. Per finire a Palazzo Pitti, nella Galleria Palatina e nel Museo del Bargello, troverete esposte le opere di bottega e di scuola di Leonardo da Vinci.

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano

Alle origini di Leonardo Da Vinci: un itinerario tutto toscano è un articolo di Brickscape